Sorrento

Fondata molto probabilmente dai greci, Sorrento subì temporaneamente la supremazia degli Etruschi e poi, dal 420 a.C., l'influsso degli Osci. In etè romana è ricordata per aver partecipato all'insurrezione degli Italici (90 a.C.); vi fu quindi dedotta da Silla una colonia, a cui seguì più tardi uno stanziamento di veterani di Ottaviano. Fu poi municipio della tribù Menenia. Fu sede vescovile almeno dal 420. Durante la crisi del dominio bizantino in Italia, Sorrento acquistò autonomia come ducato, prima sotto la supremazia dei duchi di Napoli, poi con arconti e duchi propri, sempre in lotta con Amalfi, Salerno ed i Saraceni. La storia di Sorrento si confonde con quella delle altre cittè campane; prese parte alle leghe anti musulmane; combattè i Longobardi di Benevento; conobbe lotte familiari tra i nobili locali. Obbligato nel sec. IX da Guaimario principe di Salerno ad accettare come proprio duca il fratello, Guido, il Ducato di Sorrento riprese la propria autonomia dopo la morte di quest'ultimo per poi perderla definitivamente nel 1137, assorbito nel nuovo regno dei Normanni. Sorrento seguì da allora le sorti del regno, non senza ribellioni e conflitti, specie all'inizio dell'etè aragonese. Nel 1558 fu presa e saccheggiata dai Turchi; nell'inverno del 1648 la cittè sostenne valorosamente l'assedio di Giovanni Grillo, generale del duca di Guisa.

Il centro storico mostra ancora il tracciato ortogonale delle strade di origine romana, mentre verso monte è circondato dalle mura cinquecentesche. Vi si trovano il Duomo, riedificato nel XV secolo, con facciata neogotica, e la Chiesa di San Francesco d'Assisi, con un notevole chiostrino trecentesco, con portico arabeggiante ad archi che s'intrecciano su pilastri ortogonali. Nel "museo Correale" sono esposte collezioni di reperti greci e romani e di porcellane di Capodimonte, con una sezione di pittura del XVII-XIX secolo; dal parco si gode inoltre una magnifica vista sul golfo. Presso la Punta del Capo, 3 km a ovest, si trovano resti romani ritenuti della villa di Pollio Felice (I secolo d.C.). Un'altra villa marittima è la "Villa di Agrippa Postumo", sotto l'attuale "Hotel Syrene". La villa fu fatta costruire dallo sfortunato nipote di Augusto.

Fonte: Wikipedia Sorrento

Come raggiungere Sorrento da Casa Susy

Per raggiungere il centro di Sorrento da Casa Susy è possibile sia passeggiare che utilizzare i mezzi pubblici come il treno locale Circumvesuviana che gli autobus. A piedi si impiegano in genere 15/20 minuti, mentre sia in treno che in bus ci vogliono solo 5 minuti e le rispettive fermate sono a pochi metri dal bed and breakfast. Sono disponibili presso la reception sia i biglietti per l'autobus che per il treno.

/
Free Wi-Fi Casa Susy on Google Plus! Casa Susy on Facebook!
Via Cappuccini 36, 80065 Sant’Agnello di Sorrento - P.Iva: 06673821218
Tel. +39 081 807 31 88 - Cell. +39 338 86 30 565 - info@casasusy.com